Follow @BottaAdv

BASTA CON MANIPOLAZIONI E DIRETTIVE CRIMINALI

Facciamo una sintesi senza tanti giri di parole. Vista la "pigrizia" della gente nel capire ed informarsi, provo a tracciare un semplice promemoria di titoli e didascalie.
Ecco un elenco degli orrori che i famelici di Bruxelles continuano a imporci attraverso governi fantocci e inetti poltronari. Ma in prologo è doveroso ricordare un aspetto di fondamentale importanza per comprendere la cronologia e gli intenti delle dinamiche in atto.

LA MORTE DEL MANDATO POLITICO POPOLARE
Tutto si basa su questo subdolo inganno; in parte è frutto di errori di valutazione, in parte invece è orrore voluto (non più semplice errore) teso ad amplificare gli sbagli altrui. Alla fine il tutto si traduce in una catastrofe inaudita e antidemocratica con responsabilità trasversali che vanno dalla destra alla sinistra, senza alcun margine di assoluzione per chiunque oggi sieda sugli scranni del potere. Con le nomine dei candidati politici attraverso le cosiddette "liste di segreteria" avete idea di cosa sia veramente cambiato? In effetti il politico "candidato" non esiste più. Esistono solo soldatini "nominati". Una volta il politico doveva guadagnarsi il consenso dei cittadini appartenenti al suo collegio per ottenere il via libera alla competizione e conquistarsi gli onori necessari per il successivo mandato (anche se i veterani si blindavano in collegi cosiddetti sicuri). Se un politico commetteva errori o tradiva il mandato elettorale, la sua carriera politica veniva compromessa per volere popolare e quindi ogni aspirante, sia di destra che di sinistra, veniva vincolato da un cordone ombelicale difficile da "manomettere" o dal quale sottrarsi; ciò garantiva almeno un minimo di etica. Oggi tutto ciò è stato scientificamente azzerato. 

Non v'è alcun vincolo di mandato. Esiste una sorta di immunità dal dissenso, allora ecco che con disinvoltura votano contro l'agricoltura italiana senza alcun timore (tranquilli l'importante è eseguire gli ordini della segreteria) evvai con l'olio tunisino, evvai con l'azzeramento degli agrumi siciliani, evvai con lo sterminio dei pescatori e itticultori italiani e via cantando. Ancor peggio è questo tacito accordo tra le segreterie al potere e la casta dei magistrati: "tu non alteri i miei privilegi e poteri… io non avvio alcuna indagine; ma se proprio occorre…posso intervenire contro la parte politica a te avversa". Non intervengono nemmeno quando si cedono di nascosto porzioni di mari e confini allo spocchioso competitore dirimpettaio! Ecco cosa è cambiato, ecco perché si possono vaporizzare i risparmi di 150 mila cittadini indifesi e truffati e rimanere attaccati alla poltrona senza alcuna conseguenza, si possono comprare e affittare con i soldi dei cittadini super aerei lussuosi dal costo di 40 mila euro al giorno, si possono stanziare 3,3 miliardi per i finti profughi (90% degli immigrati) finanziando il CoopBusiness e ignorare i dieci milioni di poveri connazionali. Ecco come è possibile far ingoiare al popolo stremato le abominevoli direttive europee distruggitalia con nonchalance. Tutto questo ovviamente ovattato da una stampa vergognosamente schierata e impegnata esclusivamente sulla salvaguardia dei contributi statali all'informazione divenuti ormai vitali per gli editori dopo il crollo (40%) della raccolta pubblicitaria; redazioni con nutriti gruppi di giovani freelance a 10 € ad articolo e di precari ricattabili, obbligati a scrivere tutte le porcherie immaginabili, tranne che a far valere la libertà di espressione e la funzione di una corretta informazione. Il giornalismo d'inchiesta è morto da decenni (vi consiglio il film premio Oscar 2016 "Spotlight"). L'ultima inchiesta seria italiana (senza ancora una verità ufficiale) risale al caso di Ustica, i megafonisti attuali sono i peggiori di sempre, il massimo d'inchiesta che riescono a fare è quello di approvvigionarsi da Twitter e Facebook, intanto l'informazione italiana dal già penoso 49° posto è scesa dal 2014, con Renzi, al 79° posto e ultima tra i paesi OCSE (ripeto: ultima). L'Istituto Luce di "allora" sarebbe oro a confronto, non è mia opinione (che sarebbe comunque ancor più lapidaria) ma lo dicono i rating e i numeri.


DIRETTIVE NEMICHE DELL'ITALIA
Vediamo l'elenco di questa miracolosa EU e immaginiamoci, anche con un minimo sindacale di buonsenso, se è vero o no che senza queste direttive, accordi ed imposizioni l'Italia sarebbe realmente stata spazzata via dal maestrale oppure, al contrario, starebbe di gran lunga meglio.

UNIONE MONETARIA
Cosa è cambiato? Cambia che non è più lo Stato italiano (noi) a gestire autonomamente le leve monetarie e di politica economica; tali leve sono state consegnate nelle mani di burocrati privati e "al soldo" del potere finanziario. E' stato rovesciato il concetto della finanza: anziché essere al servizio del popolo, oggi è proprio la finanza a dettare la vita di ognuno. L'€uro non è nato per evitare che svalutasse la Lira italiana, ma per evitare che si rivalutasse il Marco tedesco; ciò consente alla Germania di accumulare record su record di surplus indisturbatamente.
Si inizia a sentire sempre più spesso: "l'Euro non è una moneta ma uno strumento dominio". 
Non potendo fluttuare rispetto alle altre valute, l'Euro nega la possibilità di attuare allineamenti verso l'estero, vale a dire non consente di scaricare sulla valuta le asimmetrie di competitività. Qualsiasi paese fuori dall'Euro viene compensato o frenato negli scambi attraverso la svalutazione o rivalutazione della moneta. Non essendoci più questa flessibilità in Eurozona siamo costretti a dover necessariamente svalutare il lavoro, sia in termini di diritti che in termini salariali. 
Cosa ci guadagnano da questa politica i lavoratori? Nulla! Che vantaggi riserva l'Euro al made in Italy nel costringerlo a competere sui mercati esteri con una zavorra che causa il rincaro del 30% ad ogni nostro prodotto? Nulla! E cosa c'è di bello nel ritrovarsi sul mercato il made in Germany con un gap sleale dei prezzi di oltre il 45% a vantaggio della Germania? Nulla! Il dato si ottiene calcolando un rincaro omesso dell'eventuale Marco di ca. +15/20% rispetto all'attuale €uro e un non allineamento della valuta italiana di ca. -25/30%. Dico solo #robadamatti LINK Es. Truffa che la gente finalmente inizia a capire. Dopo le innumerevoli spiegazioni di illustri studiosi ritengo sia addirittura ridicolo continuare a chiedersi se valga o meno la pena di restare nell'Euro.
Esempio di comparativo settore automotive del 2013.

DIRETTIVA BOLKESTEIN
La gestione e i regolamenti delle concessioni demaniali italiane vengono gestite dalle lobbies (prevalentemente straniere) attraverso la Commissione Europea e non più da noi italiani. Altri paesi invece hanno imposto proroghe fino a 99 anni; questo dimostra come i nostri "politici" pecchino di eccessiva "generosità". Le strutture balneari da quest'anno rischiano di andare tutte a regime di "concessione azzerata" e messe all'asta. Il Governo si era impegnato (cosa che sbandierò) a contrapporsi con una proroga fino al 2019, proroga che a Bruxelles però non risulta nemmeno presentata. I miei sospetti sono invece che il PD non abbia alcun interesse a bloccare la Bolkestein, anzi, sta facendo sì che tutto vada all'asta a favore delle fameliche lobbies. In cambio di un finto ostruzionismo la sinistra cerca di potersi accaparrare una buona fetta di mercato da gestire attraverso le immancabili Coop Rosse. Lo spirito di questa sinistra lo vediamo dal caso mari di Toscana, Sardegna e ligure trattati sottobanco coi cugini d'oltralpe. Quali spiagge avrebbero messo sul tavolo gli austriaci, i tedeschi, i paesi bassi? Ammesso che ne abbiano le capacità perché non provano a farci concorrenza? Ci provassero almeno, anziché "rubarci" decenni di lavoro e di storia! Gli avvoltoi stranieri vogliono il SET COMPLETO:
dopo il mare ora vogliono pure le spiagge! Siete ancora convinti che occorra "più Europa"?

BAIL-IN BANCHE
Lo Stato ha sempre garantito, come da art.47 Cost. il risparmio del popolo. il sistema bancario italiano era tra i più solidi al mondo eppure…sapete come è andata a finire. Draghi concede soldi agli speculatori bankers e non all'economia reale, inoltre gli speculatori restano immuni e soprattutto "illesi" in quanto ora, anche se fanno porcherie rischiose, sanno che potranno rifarsi aggredendo i risparmi dei cittadini. Questo sempre grazie all'ennesima direttiva della Commissione. Certo senza questa magica direttiva quei cattivi pensionati risparmiatori delle "quattro banche" avrebbero potuto rischiare delle perdite dei loro risparmi, invece grazie al magnifico Bail-in hanno perso tutto. Bravi. Oltretutto Renzi col suo provvedimento notturno ha solo accelerato i tempi salvando alcuni e uccidendone altri (non dimentichiamo il suicidio del povero Luigi di Civitavecchia). Renzi ha fatto un gravissimo errore, ha compiuto una vera ingiustizia verso i quei pensionati e piccoli risparmiatori. Il suo decreto non si è limitato a ridefinire i rischi per i futuri risparmiatori ma ha colpito, a mio avviso in modo disonesto, soprattutto quelli già esistenti. Quei risparmiatori nel momento in cui avevano firmato acquisti di azioni non erano affatto esposti a tali rischi, i moduli firmati a suo tempo con la banca non prevedevano tale scempio, è stato Renzi ad esporli al massacro, anzi, Renzi li ha condannati alla perdita di tutti i risparmi di una vita. 
Ora cercate di capire l'assurdità di questi acefali. Renzi si giustifica dicendo che era necessario sacrificare 150mila risparmiatori per salvare le banche e milioni di correntisti, inoltre si sta cercando di scaricare le responsabilità sulla EU. E' una difesa inaccettabile. 
La realtà è che capitalizzano i profitti e mutualizzano le perdite. Una vergogna oltretutto incostituzionale. Se il banchiere con le sue porcherie speculative rovina i conti della banca grazie al Bail-in ci rimette il cliente, mentre se va in difficoltà il cittadino che ha acceso un mutuo, sempre grazie alle direttive dell Commissione Europea, la banca gli toglie la casa senza passare nemmeno dal giudizio di un giudice. Quindi è l'inizio di quanto si profilava con questi ultralibbbberisti (vedasi TTIP), infatti stanno scavalcando anche i tribunali, oltre alla Costituzione. Nonostante tali stupri il Governo ancora insiste che la direttiva "Mutuo-furto-casa" è stata recepita per tutelare la popolazione. No signori, la tutela esiste solo se tra le parti vi è un garante: lo Stato, il tribunale!

OLIO NORD AFRICANO
La direttiva che impone in modo scorretto di sbriciolare le quote di mercato dell'agroalimentare italiano con bel 700mila tonnellate di olio proveniente dalla Tunisia. Tali produzioni a volte si manifestano dannose per la salute e non vantano una filiera produttiva sufficientemente controllata sotto il profilo igienico e di genuinità. In più casi quest'olio viene spacciato come alternativa al nostro Extra Vergine e riporta magari in etichetta "Olio Comunità EU". L'assenza di dazi consentono un posizionandoci sleale di questi prodotti sul nostro mercato. Questa è una politica suicida per l'Italia. Se volete approfondire, al LINK  di questo articolo capirete come la frode, attraverso questa direttiva, viene resa "legale". Odiano gli italiani. Rassegnatevi, ci odiano!

DIRETTIVA IITTICULTURA (Vongole)
La direttiva che prevede addirittura pene del codice penale se per tre volte un coltivatore viene beccato con una vongola di 21 millimetri anziché 22. Ma questi sono matti. In Italia gli itticultori sono i primi ad essere interessati alla salvaguardia della fauna marina, è così da secoli, da quando molti del nord Europa non conoscevano ancora nulla dell'alimentazione al di fuori delle radici e delle patate. Ma la cosa più eclatante è che gli psicopatici di Bruxelles ignorano quella che viene definita metamorfosi biologica. Infatti le variazioni ambientali hanno portato negli anni a ridurre e modificare molte specie di molluschi autoctoni, fra queste le vongole. Le nostre vongole oggi già a 18 millimetri si considerano adulte e idonee per la raccolta. Anche questa direttiva favorisce produzioni in ciclo industriale dell'atlantico e allevamenti del nord. Sarà l'ennesima coincidenza? Fate voi.

Potrei continuare per giorni, settimane, anni a descrivere, anche se solo in sintesi, altre sciagure come i "vincoli esterni" che equivalgono ad un suicidio certo, al Fiscal Compact, la criminale austerità che ha sterminato il 66% dei distretti produttivi italiani, ha generato decine di migliaia di suicidi e milioni di poveri. Questo solo in Italia. Stanno ammazzando lo stato sociale, hanno eliminato tutti i diritti ai lavoratori. Hanno azzerato decenni di conquiste di civiltà e di benessere.
Ci stanno facendo invadere da finti profughi. Stanno svendendo asset strategici appartenenti al popolo come Ansaldo Breda, Poste, Ferrovie, Eni, e tantissime altre eccellenze; a breve distruggeranno del tutto la sanità pubblica per venderci a macellai privati. Ci stanno esponendo ad un'alimentazione industriale cancerogena che peggiorerà attraverso il TTIP (gestito di nascosto come il mare di Sardegna). Il TTIP favorisce le multinazionali che fabbricano pessima alimentazione di massa e che, guarda caso, hanno forti interessi anche nelle multinazionali farmaceutiche dei prodotti per la cura del cancro. 

Mi son ripromesso di descrivere cosa nasconde veramente l'abominevole business della teoria Gender e del mercato degli Uteri-Rent legati al grottesco gaysmo. Insomma basta, basta, basta!! Non capisco come facciano a difende questo genocidio, questa finta EU (che è solo un condominio insediatosi a Bruxelles). Chi difende la moneta privata dei banchieri, non può non essere oggi in malafede; non può non essere nemico dell'Italia; non può non essere acerrimo nemico mio e dei miei figli.

Carlo Botta
@BottaAdv
carlomaxbotta@gmail.com


Nessun commento:

Posta un commento